numero verde 800931777   -   Privacy 

©2019 Rèspeak by Jolengroup

  • RèSpeak

Come organizzare lo smart working con i figli a casa

Aggiornato il: mar 25

La pandemia da Covid-19 ha messo le famiglie in condizione di sperimentare lo smart working, e non tutti sono preparati a lavorare da casa, insieme ai loro bambini.

Come ci si organizza? Ecco qualche consiglio utile.


I bambini hanno la capacità di interrompere ogni 5 minuti per richiedere la nostra attenzione, e ora che sono costretti a casa tutto il giorno, la cosa va di certo accentuandosi. Sono annoiati, e la situazione non cambia molto tra fratelli e figli unici: se lasciati a loro stessi i primi finiscono per litigare, mentre per i secondi tendono ad annoiarsi MOLTO velocemente.


Da qui il dilemma del genitore che lavora in smart working: come faccio a concentrarmi sul lavoro, senza trascurarli ?


Seguendo questi utili consigli!


Iniziamo!


1# Parola d'ordine: organizzazione

Prima di tutto bisogna essere chiari con il proprio partner. Cercate di incastrare gli orari di entrambi, in modo che uno possa badare ai bambini mentre l'altra lavora e viceversa.

Ricordatevi sempre però di dare un messaggio e delle direttive chiare ai figli: se mamma/papà in questo momento non è con te è perché lavora, e non va disturbato. Passerete del tempo insieme dopo.


2# Chiudere sempre la porta

Per lavorare bene in smart working bisogna ricreare un ufficio dentro casa, e gli uffici si sa, hanno le porte. Ricordatevi sempre di tenerla chiusa - meglio se a chiave - durante il vostro orario di lavoro, in modo che al bambino/a arrivi chiaro il messaggio che li non si entra. All'inizio piangerà e busserà insistentemente alla porta, ma poi capirà da solo/a


3# Scegliere fasce orarie strategiche

Se avete la possibilità di giostrare i vostri turni, lavorare di mattina presto o di sera potrebbe essere la soluzione ideale.

La mattina, per esempio, potreste iniziare quando i vostri figli dormono ancora, per poi chiedere al vostro partner di badare a loro fino a quando non avete finito.

Il pomeriggio tardi è di solito la fascia oraria dove i bambini guardano i cartoni in tv mentre, di sera sono stanchi. Potreste approfittarne per metterli a letto prima ed iniziare a lavorare.


4# Fai un patto con i bambini Dì ai tuoi figli che hai bisogno del loro aiuto per poter svolgere il tuo lavoro, e che se ti aiutano guadagneranno una ricompensa. Ad esempio, dì loro che guadagneranno un bonus sulla paghetta o minuti extra di televisione se ti lasceranno tranquillo/a. Ricordati però di dedicargli del tempo durante le pause.

5# Elabora un calendario delle attività La noia è il peggior nemico dei bambini, e i bambini si sa, si annoiano in fretta. Per questo ti suggeriamo di programmare la loro giornata, preparando un calendario con almeno 30 possibili attività: lo so che sembrano tante, ma è sempre meglio avere un'asso nella manica da sfoderare in caso di "questo gioco non mi piace". Internet può esserti d'aiuto! Esistono dei siti che forniscono dei validi suggerimenti su giochi da fare - che non richiedono la presenza di un adulto - utilizzando materiale che si trova facilmente in casa.

6# Passa del tempo con loro Trascorrere del tempo con i tuoi figli aiuterà te a staccare la spina e loro a sentirsi meno frustrati. Ricorda, lavorare da casa vuol dire tornare padroni del proprio tempo.. e del tempo da dedicare ai propri figli, così com'è giusto che sia.