numero verde 800931777   -   Privacy 

©2019 Rèspeak by Jolengroup

  • RèSpeak

Cosa si impara lavorando in un call center?

I call center sono la definizione dell'inferno lavorativo, il buco nero in cui cade chi non riesce a realizzarsi lavorativamente. Ancora non è chiaro però ne il come, ne il quando e ne tanto meno il perché, un semplice luogo di lavoro si sia caricato di tale e tanto significato retorico.

Sicuramente il grosso delle voci è nato a causa di datori disonesti, che costringevano e costringono gli operatori a situazioni disagianti, ma anche la frustrazione di chi ha dovuto accantonare i sogni per potersi mantenere, ha di sicuro esercitato un certo peso.


Per non parlare poi dei pregiudizi legati alle selezioni del personale, considerate particolarmente "accessibili". Un operatore telefonico deve essere solare, proattivo, paziente, educato, deve saper usare il pc ed esprimersi nel modo giusto, tutte competenze più personali che accademiche. Questo ne ha fatto il rifugio, almeno nei primi anni in cui tale realtà ha iniziato a prendere piede in Italia, di una serie di persone depresse, avvilite e cariche di risentimento verso la vita, che hanno poi finito per sfogare su quello che è un lavoro come tanti.


Si, perchè lavorare in un call center non è questa "disgrazia" che tutti vogliono far credere, anzi. In molti riescono a mantenersi, alcuni esperti di marketing e comunicazione, americani e non, hanno mosso i loro primi passi proprio da qui mentre, qualcun'altro, ne ha ricavato delle preziose competenze utili nel lavoro e nella vita.


Riuscire ad elencarle tutte renderebbe questo scritto chilometrico, per questo mi limiterò ad elencare solo quelle che ritengo essere le più importanti:


#1 La comunicazione: essere operatore telefonico comporta dover parlare con un gran numero di persone tutto il giorno, persone appartenenti a diverse fasce d'età, livello culturale e razze. Così facendo s'impara ben presto a relazionarsi con gli altri, e a modificare il nostro modo di comunicare in base a chi ci si trova di fronte.


2# Metodo di lavoro: che si tratti di un call center inbound o outbound, il lavoro svolto viene sempre e comunque monitorato attraverso dei Kpi, ovvero dei parametri all'interno dei quali muoversi. Tale schema lavorativo fa si che si acquisisca l'elasticità mentale necessaria a creare un metodo di lavoro o di studio, che entrerà a far parte del bagaglio di competenze di una persona


3#L'autocontrollo: può capitare, al pari di quanto succeda con qualsiasi altro tipo di lavoro, che s'incontri un cliente “scostumato”. Con il tempo si imparerà a gestirlo, e ad acquistare una certa dose di autocontrollo, sempre utilissima nella vita.


4# Il tono di voce: a chi non è mai capitato di essere frainteso a causa del tono di voce utilizzato in una conversazione? Bhe, al telefono si comunica solo attraverso le parole, e di certo è un'ottima palestra per allenarsi.


LEGGI ANCHE:

RèSpeak, non tutto il male viene dai call center

E' tutto vero quello che sai sui call center?

Storia di una crescita professionale