numero verde 800931777   -   Privacy 

©2019 Rèspeak by Jolengroup

  • RèSpeak

Stress a lavoro:come evitare che il malessere diventi routine

Al solo sentir pronunciare la parola "lavoro", l'ansia e la preoccupazione legate alle scadenze da rispettare iniziano a farsi sentire. Se poi aggiungiamo le complicazioni date da un ambiente di lavoro malsano - quali un capo pressante e colleghi sempre nervosi - la situazione rischia di ripercuotersi negativamente sullo stato psicofisico di un lavoratore.


Come combattere lo stress sul luogo di lavoro


Chiunque sia in cerca di lavoro, lavori o abbia mai lavorato, sa bene che lo stress è compreso nel pacchetto: è una legge naturale ed universale. Ma se per qualcuno la pressione può essere fonte di motivazione, qualcun altro può non reggere nel lungo periodo.


Per questo è bene iniziare a prendersi cura di se stessi, cercando di fare proprie le seguenti "buone abitudini":


1# Respirare con il diaframma


Respirare con il diaframma ha un effetto immediato sullo stato psicofisico, provocando una sensazione di rilassamento e tranquillità, dovuta anche alla produzione di serotonina, l'umore del buonumore. Per questo, in situazioni di forte stress è utile concentrarsi sul proprio respiro e passare a una respirazione consapevole nel modo seguente: chiudete gli occhi, appoggiate una mano sulla pancia e fate tre respiri profondi inspirando dal naso ed espirando dalla bocca. Se lo fate nel modo corretto, sentirete la pancia gonfiarsi e sgonfiarsi sotto la vostra mano.


2# L'importanza della pianificazione


Di fronte a situazioni di forte stress la parola d'ordine è rallentare. E'vero, avete molti impegni da portare a termine e un tempo limitato, ma la fretta è una cattiva consigliera. Per questo è bene imparare a pianificare, magari stilando un foglio delle attività che vi aiuti a "mettere ordine" nelle cose da fare.


3# Sorridere


In un precedente articolo abbiamo parlato dell'importanza del sorriso: in questo paragrafo lo sottolineiamo ancora. Sorridere cambia la percezione del mondo, delle persone che ci circondano ed attiva la serotonina.


4# Passeggiare


Di fronte a scadenze pressanti tendiamo ad incatenarci alla scrivania, imponendo a noi stessi di non muoverci fino alla fine del lavoro. Ma sforzare il cervello a fare una cosa che non vuole fare è controproducente, e soprattutto genera una buona dose di stress. Se il cervello rifiuta di collaborare allontanarsi dalla scrivania è la soluzione migliore. In questo modo si rifocalizza l'attenzione, la creatività si stimola e lo stress si abbassa


5#Dire di no fa bene


Anche l'estrema disponibilità nei confronti del datore di lavoro o dei colleghi è fonte di stress. Questo perché al "si" segue un vincolo pesante: il compito deve essere portato a termine, qualsiasi cosa accada. Essere propensi ad aiutare i colleghi è di certo una buona cosa, ma è sempre meglio non strafare.


LEGGI ANCHE:


Saper comunicare è importante

Che suono ha la tua voce?